venerdì 27 ottobre 2017

Recensione: Verso la base (Balls in Play Vol. #1) di Kate Stewart

Carissime, vi parlo di Verso la base primo volume della serie Balls in Play di Kate Stewart, edito dalla Triskell Edizioni. Per le amanti dei romanzi dove lo sport è la portata principale.

Titolo: Verso la base (Balls in Play Vol. 1)
Autore: Kate Stewart
Editore: Triskell
Costo: 4,99 
Pagina: 355
Genere: Romance Contemporaneo

Trama:
Alice Boyd si è trasferita a Charleston per diventare un’istruttrice di volo, pensando di trovarsi a vivere un’esperienza alla Top Gun, ma scoprirà molto presto che la realtà è ben diversa.
Nonostante tutto, è determinata a fare di ogni giorno il migliore della sua vita, soprattutto dopo essere finalmente riuscita a sottrarsi al controllo della madre, un po’ troppo opprimente.
Vuole sperimentare tutto ciò che la nuova città ha da offrire, inclusa la squadra di baseball e il suo lanciatore di punta, Rafe Hembrey. Rafe non è pronto per i sentimenti che Alice risveglia in lui. È ancora in attesa della convocazione nella Major League, e quella in corso dovrebbe essere la sua stagione decisiva. Eppure scopre che c’è qualcos’altro nella sua vita che può renderlo felice…

Biografia:
Nata a Dallas, Kate Stewart adesso vive nella bellissima Charleston, Sud Carolina. Vive con suo marito Nick , con cui è sposata da nove anni, e al suo dispettoso beagle, Sadie. Kate si è trasferita a Charleston tre settimane dopo la sua prima visita , lasciando la sua carriera, iniziata otto anni prima, e dichiarando la città come la sua musa ispiratrice. Dal trasferimento nel 2010, Kate ha scritto e pubblicato 15 romanzi incluso Room 212, Never Me, Loving the White Liar, e molto altri. Kate scrive romanzi d’amore pieni di caos, sesso e angst con un lieto fine “difficile da guadagnare” perché è quello che ama leggere. Ha una dipendenza preoccupante per il cioccolato al latte e un amore profondo per la musica rap, nello specifico per il genio noto come Marshall Mathers.


Recensione:
Avevo già avuto modo di leggere un libro firmato Trikell: Butterfly tatoo e l'avevo trovato perfetto sia per trama che per traduzione che non è una cosa alquanto scontata per non parlare della cover bellissima e attinente,  perciò quando è arrivato questo libro in lettura scalpitavo ero molto eccitata e curiosa e posso dirvi che non ha  assolutamente tradito le mie aspettative .

Inizio con il dire che questo rispetto al primo loro libro che ho letto è molto più leggero: ironico, hot e romantico, strutturato con due Pov al presente, le voci narranti  di Rafe e Alice.

Alice è un pilota di aerei, bionda minuta, inconsapevole della propria bellezza, è una donna vivace, ha vissuto un'infanzia non felicissima, non perché avesse subito violenze o situazioni degenerati, ma in seguito al divorzio dei suoi genitori il padre si è volatilizzato creando un vuoto in lei, ma soprattutto sostituendo una madre amorevole e "normale" con una donna amareggiata  e fanatica religiosa che per tutta la sua vita la limita e le inculca un senso di colpa latente per non essere ciò che la madre vuole. Quindi chi è Alice? Un'occasione lavorativa lontana da casa le fa spiccare il volo dal nido, da un'esistenza grigia a una a colori. Come personaggio è fantastica, gioiosa, nerd, ha una passione per Google e arriva a googlare argomenti più strani o disparati perfino le istruzioni per l'uso per una ottima e corretta fellatio, si caccia in situazioni esilaranti e a volte quasi esagerate; lei ha un senso positivo della vita ogni giorno è il preferito della sua vita anche quando una giornata è andata storta lei comunque gioisce di quel bene primario e a volte poco stimato che è la vita.

Rafe guardò dalla nostra parte finché fui certa che avesse incontrato i miei occhi, poi mimò con la bocca “Il più bel giorno della mia vita” e io risposi con un “Ogni giorno”.

Rafe è un giocatore di baseball della Minor League è all'ultima stagione nella serie minore sta aspettando di spiccare il volo verso la Mayor League, per lui il baseball non è solo competitività, non è semplice sport, per lui è tutta la sua vita, non c'è nulla che lo distragga dal suo obiettivo assieme al suo miglior amico Andy sta aspettando la svolta nella sua vita come un surfista aspetta la mitica "onda" mentre il suo amico attende assieme a lui la convocazione di Rafe per ritirarsi dal baseball e dedicarsi al suo bar e alla sua produzione di birra artigianale. Rafe è spavaldo e un pò, perdonatemi il termine, puttaniere, le ragazze le usa per allentare la tensione e loro sono ben felici di aiutarlo. Ha una vita semplice e ordinata: baseball e donne finché l'uragano Alice irrompe nella sua vita e precisamente allo stadio dove lui sta giocando. Ben presto si accorge che lei è diversa e lo farà impazzire, a tinte hot vi divertirà con situazioni tragicomiche in cui lui si dimostrerà molto imperturbabile, ma anche lui porta su di sé cicatrici provocate dalla famiglia...

«Sono felice. Per la prima volta da tanto tempo, sono felice. Tu mi hai mostrato com’è esserlo e poi ne sei diventata la ragione.»

Il libro pur essendo un pò sboccato e leggero racconta di temi molto importanti come i legami e i tradimenti famigliari, come il vissuto ci condiziona, la paura di amare ma soprattutto di essere amati, il peso e il dolore che può dare la fine di un amore, ma anche il potere dell'amore, il sacrificio dietro al successo, la pazienza e la forza mentale per arrivare alla base.

Ho visto che questo libro è di apertura alla serie, è autoconclusivo quindi spero che la Triskell tradurrà anche il secondo volume dedicato a Andy. Spero poi che l'autrici scriva anche altri libri sugli altri giocatori in particolare di un personaggio che pur facendo quasi una comparsa mi ha colpito molto. Lui è la nemesi di Rafe e suo sostituto quando lui approderà nella Major.

Se avete voglia di un libro carino che vi faccia viaggiare sulle ali della fantasia divertendovi e con tinte al peperoncino questo è il libro che fa per voi.
Che poi solo la cover già vale la pena! Buon divertimento.

Fra
LCDL

Nessun commento:

Posta un commento