sabato 14 ottobre 2017

Recensione: Qualcosa di grande (Neighbors Series vol 5) di R.L. Mathewson

Cercatrici, oggi Fra vi parla di  Qualcosa di grande quinto volume della Neighbors Series  di  R.L. Mathewson.

Il gioco del destino #3

Titolo: Qualcosa di grande (Neighbors Series vol 5 )
Autore: R.L. Mathewson
Editore:N ewton Compton
Costo:book: 5,99€ 
Pagine: 294
Genere: Rosa humor
Uscita: 15/10/17

Trama:
Neighbors Series
Farsi quarant'anni di prigione o cambiare casa?
Normalmente non bisognerebbe neppure pensarci su, ma le cose sono decisamente cambiate da quando è stata costretta a trasferirsi nell'appartamento di fronte a quello di Danny Bradford. Moltissime cose...
Voleva arrivare alla fine di una sola giornata senza che Danny Bradford facesse qualcosa per mettere alla prova il suo autocontrollo, ma con quel suo maledetto sorriso e la sua abitudine di farle desiderare di uccidere qualcuno, non c'era proprio speranza.
Lui amava la sua famiglia, ma certi giorni era davvero troppo. Ma andava tutto bene, perché la sua minuta vicina di casa gli forniva ore e ore di intrattenimento. Non di proposito, naturalmente, ma lo faceva sorridere, quindi che importanza aveva?

R.L. Mathewson
è nata e cresciuta nel Massachusetts. È nota per il suo senso dell’umorismo e la capacità di creare personaggi realistici in cui i lettori si immedesimano facilmente. Al momento ha diverse serie paranormali e rosa in corso di pubblicazione tra cui la serie Neighbors. È mamma single di due bambini che le danno molto da fare e si divertono a spaventarla a morte coi loro scherzi. Ha una dipendenza da romanzi d’amore e cioccolata calda e spesso combina le due cose.

Recensione:
Ed eccoci a un nuovo capitolo sulla famiglia Bradford, fighi un pò "rustici " e mangioni. Dopo i figli di Jason e la cugina da parte di madre adesso tocca ai figli di Jared, illustre medico, ma tranquilli la fame inestinguibile ce l'ha pure lui! È come se si aprisse una sottoserie con i figli di Jared che ne ha una valanga e che promettono bene uno meglio dell'altro, questo capitolo è dedicato al suo primogenito Danny.
Danny brillante e responsabile all'esame per il college troppo sicuro di sé manda tutto all'aria dando fondo ai liquori paterni, da qui dopo una serie di scelte sbagliate si arruola nei marine creando una crepa con suo padre.
Ma dà una scelta apparentemente sbagliata Danny trova la sua dimensione e forgia il suo carattere usando la sua arroganza da "bastardello di buona famiglia", ora dopo il congedo per un incidente in una missione lavora nella ditta di Famiglia di Costruzioni assieme ai formidabili cugini protagonisti dei primi libri.
È un protagonista che è tanto in tutto, bello, grande, mansione e super dotato apparentemente ha tutto ma smania per avere l'amore e la completezza che hanno i cugini e gli zii, quell'amore che ti riempie e ti rende migliore. Danny ha un passatempo preferito alquanto fuori dalle righe: lui si diverte a fare i dispetti alla sua nuova vicina, una bionda minuta formato poket "Campanellino" Jodi.
Jodi è una donna che tutti gli uomini prendono come per una sorellina minore, ferita e disillusa, ma sempre con il sorriso, minuscola in confronto a quel troglodita del suo vicino di casa, ma assapora nella sua mente mille modi per ucciderlo, ma si sa l'amore non è bello se non è litigarello.

Voleva una moglie che lo guardasse nel modo in cui Haley e Zoe guardavano i suoi cugini. Voleva dei bambini che lo mandassero sul lastrico e che lo facessero sorridere anche quando si impegnavano per farlo incazzare.

I loro sketch iniziali mi ricordavano i bimbi che si fanno i dispetti alle elementari quando per un maschio tirare i codini alla compagna di classe equivale a una dichiarazione di intenti amorosi, e vi faranno divertire per buona metà del libro assieme alle reazioni che i farmaci provocano in Campanellino e che faranno sorridere noi imnagindandosi questa fatina che mette seriamente in crisi un armadio d'uomo creando situazioni esilaranti. È un libro spensierato e divertente, hot ma che presenta anche temi importanti come la visione che si crede di avere di sé ma che gli altri percepiscono diversamente, le difficoltà padre figlio, i residui fisici che la guerra ha su i suoi soldati e la devastazione che può lasciare un ex dietro di sé.
Il libro pur prendendomi ed essendo scorrevole presentava spesso un interruzione brusca nella narrazione iniziando un'altra situazione senza ben concludere la scena corrente non ho ben capito se imputabile all'autrice o a una non buona traduzione che rallentata notevolmente il ritmo di lettura e creava confusione, cosa che succede pure nell'epilogo anche se non si capisce se continuerà nella storia del fratello o se finisce così. Nonostante questa pecca il libro è veramente carino muta da una iniziale leggerezza a una situazione più matura emozionalmente parlando adatto a momenti di svago e non adatto ai più piccoli per il "peperoncino " presente.
Ora sono curiosa di leggere il capitolo della serie che parla di di Darrin e Maribeth!
Buona lettura!

Fra
LCDL

Nessun commento:

Posta un commento