venerdì 6 ottobre 2017

Recensione: Il ponte tra te e me di Arizona Ross

Care Amiche, oggi Anita vi parla di un selfpublishing scritto da Arizona Ross: un viaggio nei ricordi della protagonista che ci porterà nel 2000 a rivivere assieme a lei il suo primo anno da studentessa nella città di New York, un anno ricco di nuove esperienze ed emozioni sconosciute che la cambieranno profondamente.

Titolo: Il ponte tra te e me
Autore: Arizona Ross
Editore: Youcanprint
Genere: Romance Contemporaneo
Pagine: 316
Costo: €.1.99 Ebook €.15.11 Cartaceo

Trama:
Percorrendo il ponte di Brooklyn, Rose ricorda il primo anno in cui ha vissuto a New York, nel quale ha conosciuto l'amore, le prime soddisfazioni professionali, ma anche la sofferenza più devastante.È il 2000 quando Rose, diciottenne, si trasferisce a Manhattan per studiare architettura alla Columbia University. Una sera Rose salva Eric Jones, un ragazzo affascinante e al tempo stesso tormentato, dall'accusa di rissa. Eric, schivo e misterioso, si rivelerà in seguito un forte punto di riferimento per la vita di Rose, riuscendo a comprenderla dal profondo e spronandola a dedicarsi a ciò che desidera fare realmente: l'autrice di canzoni. I due vivranno una intensa e turbolenta storia d'amore sullo sfondo della Grande Mela, fino a quando le vite dei due giovani si imbatteranno in un imprevedibile e tragico evento, destinato a cambiare per sempre la storia dell'umanità


Arizona Ross dice di sè:
Sono un giovane avvocato penalista che da sempre ha la passione per la lettura e per i viaggi. Attualmente vivo a Venezia con mio marito e il nostro bulldog francese. Fin da bambina amo scrivere racconti e dare libero sfogo alla mia immaginazione. “Il ponte tra me e te” è il mio primo romanzo. Posso essere contattata all'indirizzo mail: arizonaross.book@gmail.com.

Recensione:
Il ponte di Brooklyn è per Rose un luogo magico in grado di farle rivivere i ricordi delle indimenticabili esperienze vissute a New York, dove approda, appena diciottenne, per studiare architettura alla Columbia University.
Rose, timida e introversa, proviene da una piccola e tranquilla cittadina marittima del North Carolina. Giunta a New York si ritrova catapultata in una realtà completamente diversa e particolarmente movimentata rispetto a quella cui è abituata, che inizialmente fatica ad accettare.
Dopo le iniziali titubanze stringe un solido rapporto con la sua compagna di stanza, Olivia, una minuta e vivace biondina che guiderà la nostra protagonista alla scoperta della Grande Mela e le farà conoscere Aaron, un brillante e attraente compagno di corso che diverrà il suo confidente e un solido punto di riferimento.
Durante una serata fra amici Rose si ritroverà coinvolta in una spiacevole situazione che la porterà a salvare Eric, un giovane sexy e misterioso che, fra mille ostacoli, diverrà un pilastro nella vita della ragazza, la quale, grazie al suo sostegno, scoprirà quello che realmente desidera fare della sua vita.
Rose è il cassico stereotipo della brava ragazza: buon rendimento scolastico, testa sulle spalle, onesta e sincera col prossimo, ha una spiccata sensibilità che la porta a intuire velocemente il modo di essere di chi le sta vicino. Personalmente ho trovato la protagonista piuttosto convenzionale, in alcuni tratti irritante a causa della sua caparbietà, non mi ha colpita particolarmente.
La sua amica Olivia vivacizza significativamente le giornate della protagonista con la sua esuberanza e il suo carattere sbarazzino, che nascondono una profonda vulnerabilità.
Eric è sicuramente il personaggio fulcro della storia: un giovane dal passato difficile, provato dall'assenza di coloro che avrebbero dovuto aiutarlo a crescere, proteggendolo e indirizzandolo. Nonostante tutto risulta un personaggio assennato, altruista, coraggioso e capace di grande empatia.
Un romanzo scritto bene, a tratti scorre un po' lento e, seppur con qualche errore grammaticale, non ne implica il piacere di lettura.
Decisamente romantico, una storia d'amore con la A maiuscola, totalizzante e struggente.
Consigliato alle inguaribili sentimentali.
Anita
LCDL


Nessun commento:

Posta un commento