lunedì 16 ottobre 2017

Recensione: Fino all'ultima parola di Tamara Ireland Stone

Bentornati Cercatrici e Cercatori. Il libro di cui vi parlo oggi è Fino all'ultima parola di Tamara Ireland Stone, edito dalla Leggereditore. Un genere Young Adult ma assolutamente adatto a tutti,  recensione SPOILER FREE.
Venite a conoscere Samantha e la sua storia. 

Titolo: Fino all'ultima parola 
Autore: Tamara Ireland Stone
Editore: Leggereditore
Pagine: 368
Costo eBook: 4,99 Cartaceo: 12,67 (uscita 26/10)
Genere: Narrativa contemporanea
Uscita: 12/10/17

Trama: 
A prima vista Samantha McAllister sembra essere come tutte le ragazze della sua età, ma dietro il suo aspetto curato nasconde un segreto che non ha mai confidato a nessuno. Tormentata da un flusso continuo di pensieri negativi, paranoie e fissazioni, come quella per il numero tre, Sam soffre di un disturbo ossessivo-compulsivo che rende difficile non solo il suo rapporto con gli altri ma anche e soprattutto con sé stessa. C’è solo un luogo in cui riesce a sentirsi veramente libera: la piscina, per lei fonte di ispirazione, riconciliazione con il mondo e, soprattutto, con la propria mente. Ma una volta fuori dall’acqua, è tutta un’altra storia... Forse ciò di cui avrebbe bisogno è circondarsi di amici migliori, veri e profondi, proprio come lei. Decide così di entrare in un gruppo segreto, l’Angolo dei Poeti, per aprirsi a nuove esperienze. E qui, in modo del tutto inaspettato, incontra Aj da cui si sente subito attratta. Per Sam, però, è tutt’altro che naturale lasciarsi andare, e assecondare i propri sentimenti non sarà affatto un’impresa facile...
Un romanzo sull’importanza dell’amicizia autentica e vera, per ritrovare sé stessi lungo un emozionante percorso attraverso le parole.

Tamara Ireland Stone è autrice di numerosi romance, pubblicati in più di venti Paesi. Ex marketing manager di un’azienda della Silicon Valley, adora sciare, fare trekking e trascorrere il tempo libero insieme alla sua famiglia. Vive con il marito e i loro due bambini non lontano da San Francisco. Con il romanzo Fino all’ultima parola fa il suo esordio nel catalogo Leggereditore.

Recensione:
Ero sempre stanca, perché la fatica di funzionare come persona è letteralmente estenuante, se nel frattempo devi impegnarti a ignorare un gigantesco vortice di pensieri che ti divora. Le medicine mi aiutano a tenerlo sotto controllo. Anche se ho ancora bisogno di prenderle ogni giorno, non vorrei mai tornare alla mia vita precedente.

Come avrete letto dalla trama, questa è la storia di Samantha o meglio Sam McAllister di 16 anni e del suo disturbo ossessivo compulsivo, cercherò di farvi capire meglio in che consiste il suo disturbo, direttamente dalla voce di Sam, perché il libro è raccontato solo dalla sua voce, vivremo tutte le sue emozioni, ossessioni e compulsioni, fragilità, senso di inadeguatezza, paure, dolore, soddisfazioni di traguardi raggiunti, felicità e amore.

"Soffro di una cosa chiamata disturbo ossessivo-compulsivo. In realtà il mio problema riguarda soprattutto la parte ossessiva, mentre le ‘compulsioni’ avvengono quasi sempre dentro alla mia testa. In parole povere, significa che è un problema facile da nascondere.» Non riesco a credere
Le mie ossessioni possono riguardare qualunque argomento: i ragazzi, il rapporto con le mie amiche, oppure una sciocchezza qualsiasi che mi passa per la testa... Certe volte un pensiero rimane incastrato e non riesco proprio a liberarmene. Altre volte invece i pensieri arrivano tutti insieme e mi provocano un attacco d’ansia. Oh, e per finire c’è questa mia fissazione col numero tre. Sto sempre a contare. Qualsiasi cosa io faccia, deve esserci sempre di mezzo il numero tre"

Per me fare la recensione di questo gioiellino, è un onore e un privilegio.
"Fino all'ultima parola", mi ha ricordato ancora una volta perché amo in modo così assoluto leggere
È una di quelle storie che lasciano una tale pace e dolcezza nel nostro animo, da prendere un posticino nel nostro cuore, e restarci per sempre.
I temi di questo libro sono diversi e importanti.
In primo luogo la salute mentale e l'importanza nel rivolgersi e farsi seguire durante il percorso della propria vita, dalle figure professionali adeguate.
Che si soffra di ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo o di qualsiasi altra forma di disagio mentale, non si deve averne vergogna, o paura. Se c'è la necessità di prendere delle medicine che aiutano a "resettare" nel modo più adeguato a secondo del caso, non vuol dire che si è anormale o peggio "pazzo", si è solo persone speciali
Tratta il tema dell'accettazione, di noi stessi in primis, di quello che siamo, anche se non ci riteniamo "normali". Che non bisogna essere diversi da quello che si è per paura di restare soli o di non essere accettati. Gli amici veri e chi ti vuole bene, accetta tutto di te, amano tutto di te. Incondizionatamente. 
Questo è il percorso che la nostra Sam farà. Capirà e scoprirà cosa è giusto per lei. Cominciando con le persone di cui si circonda. 
L'angolo dei Poeti, sarà una scoperta per Sam che le cambierà la vita in tutta la sua interezza. Le amicizie verranno messe in discussione. Avrà la necessità di scegliere chi la fa stare bene o chi le dà solo un'apparente sicurezza e popolarità.

Ho letto le loro poesie. Ho conosciuto gli autori. Adesso abbiamo un segreto in comune, e questo mi fa sentire piccola, ma in senso buono. Mi sento parte di qualcosa di più grande– qualcosa di potente e di magico, così speciale che non riesco a spiegarlo.

Leggendo sia le note che i ringraziamenti dell'autrice, ho scoperto che l'ispirazione di scrivere questa storia le è stata data da una sua giovane amica, che mettendosi a nudo, l'ha accompagnata in questo viaggio durato due anni. Questo è il tempo che è stato necessario per la stesura di questa meravigliosa storia.
Una storia che la straordinaria bravura di Tamara Ireland Stone, ha reso vibrante e reale, così intensa, curata in ogni aspetto, approfondita in modo veramente professionale. Con il superbo dono della sua fantasia ha aggiunto una tenerissima storia d'amore a fare da cornice a tutto questo.
In poche parole ha creato qualcosa perfetto. 
E prendendo spunta da una citazione di Sam, questo è un libro perfetto. Ma non perfetto nel senso assoluto, ma perfetto per me.

«Quando smetterò di commettere errori?» le chiedo con un profondo sospiro. La sua risata mi coglie alla sprovvista. Sgrano gli occhi e guardo verso di lei, aspettandomi una spiegazione. «Non vedo perché dovresti» mi dice. Io continuo a fissarla. «I nostri errori ci insegnano sempre qualcosa. Ci hanno insegnato a camminare, e poi ci hanno insegnato a correre. Tentativi ed errori: per sapere che il fuoco brucia, devi toccarlo. Abbiamo commesso errori per tutta la vita, e continueremo a farlo.» «Fantastico.» «Il trucco è riconoscere i propri errori, imparare la lezione e poi lasciarseli alle spalle.»

È chiaro per tutti voi che mi sono innamorata di Sam e della sua storia, quindi lo consiglio a tutti, di qualsiasi età voi siate. Tutto è raccontato e trattato con molta delicatezza.
Di certo questo è uno di quei libri  di carta che  non potrà mancare nella mia libreria.
Non mi resta che augurarvi buona lettura, alla prossima!

Virgy
LCDL

Nessun commento:

Posta un commento