mercoledì 6 settembre 2017

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Carissimi, oggi Fra vi parla del nuovo libro della S.E.P. pubblicato dalla Leggereditore: Cosa ho fatto per amore.

Titolo: Cosa ho fatto per amore
Autore: Susan Elizabeth Phillips
Editore: Leggereditore
Pagine: 349
Costo:4,99€ e-book 14,90 cartaceo

Trama:
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile
groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi avessero mai sospettato.
Dalla penna di una delle grandi maestre del romance internazionale, intrighi amorosi, vanità, ripicche e gelosie, per una commedia romantica indimenticabile, raccontata con la giusta dose di ironia e sensualità, sullo sfondo della città più pazza e trasgressiva d’America.

Biografia:
Susan Elizabeth Phillips, nota in gergo anche come S.E.P è nata il 11 dicembre 1948 a Cincinnati in Ohio, autrice statunitense di romanzi, e la creatrice del bene genere degli sport romance.
(Molti non sanno che lei ha scritto anche con lo pseudonimo di Justine Cole)
Le sue serie più famose la Chicago stars e la Winette series

Recensione:
Non potete capire la mia felicità quando è arrivata la notizia della leggereditore (che ringrazio di cuore) che era in uscita il nuovo romanzo della S.E.P., ero su di giri, lei è una di quelle autrici che non mi hanno mai deluso, un libro può piacermi un pò meno di altri suoi o incantarmi letteralmente, ma è di una bravura così stratosferica che quando chiudo un suo libro la sensazione è sempre quella di essere appagata, è a tutti gli effetti una delle mie autrici preferite. Una sua peculiarità è di scrivere sempre delle sotto storie di coppie secondarie, che pur non approfondendo psicologicamente come la storia primaria riescono a farci appassionare ugualmente desiderando poter leggere quanto prima il romanzo sui nuovi personaggi.
Inizialmente credevo fosse uno stand alone dopo aver consultato la sua bibliografia ho invece scoperto che questo libro è facente parte della Winette series, che è approdata in Italia nel lontano 96 con la Sperling con Un Fiore nella polvere, poi per anni ignorata finché nel 2015 la Leggerditore pubblica il penultimo volume della serie, l'anno scorso ha poi pubblicato la grande fuga volume conclusivo della serie, potete quindi capire la mia confusione nello scoprire che fa parte della serie.
Quindi riepilogando questo è il quarto volume della serie, se quindi ancora non avete mai letto questa serie si colloca prima di Una scelta impossibile, 5°volume, è comunque un libro auto conclusivo, quindi tranquille si può leggere anche a sé.
Tuffiamoci quindi nel dorato mondo di Hollywood, Georgie è una delle attrici più amate dagli americani, divenuta famosa come Scooter protagonista di una sit-com, un personaggio amatissimo dolce generoso, sempre con il sorriso e una parola buona, perennemente con gli occhiali della visione buona del mondo positiva fino agli estremi, da cui lei non è mai riuscita pienamente a discostarsi. Bimba prodigio del mondo televisivo ha esordito piccolissima seguita e lanciata dal padre Paul che le fa da agente, finché approda nel telefilm che la consacra come attrice alla giovane età di quindici anni... suo coprotagonista nella serie e sua nemesi è Bramwell Shepard.
Bram è un ragazzo che viene "dalla strada" e anche lui fu protagonista del telefilm "Scooter e Skip", Skip per l'appunto che nella sit-com recitava il ruolo del bravo ragazzo di buona famiglia che aiuta sempre la sua amica Scoot a uscire dai guai, ruolo che apparteneva soltanto al piccolo schermo perché nella realtà Bram era un ragazzaccio, con il vizio del bere, arrogante e viziato, mezzo drogato che a causa delle sue brutte abitudini butta al vento l'occasione di una vita contribuendo a far cancellare la sit-com prematuramente a causa di un suo scandalo.
Sono passati molti anni dalla cancellazione di Skip e Scooter, ma la dolce ragazza e il ragazzaccio sono etichette che i nostri protagonisti continuano a portarsi appresso, indelebili ruoli o dietro alle apparenze può esserci altro?
Quando la vita apparentemente perfetta di Georgie scoppia la sua strada ritorna a incrociare quella di Bram, e dopo una sorta di Notte da leoni le loro vite si intrecciano letteralmente, due persone che si odiano si ritrovano loro malgrado legati.
È un libro che nonostante sia ironico trattato con lo stile della SEP attraverso la comicità argomenti a tratti drammatici, a tratti frizzante ci porta a riflettere su tematiche forti senza risultare pesante o angosciante. Come l'apparenza ci porta a vestire panni non propriamente nostri, e come è difficile poi discostarsi dal ruolo precedente creato, che nel mondo dell'industria cinematografica non è tutto oro ciò che luccica, il prezzo che si paga per la fama, come il dolore ci può indurire fino a perdere noi stessi e ciò che abbiamo intorno, come in un attimo ciò che abbiamo può mutare e non necessariamente in meglio.
È un libro che parla di crescita, a tratti lento, perché spesso lenta è la crescita interiore dei personaggi, che però nonostante non abbia un ritmo pressante non annoia ma ci porta a comprendere meglio i suoi protagonisti. Vi farà ridere, commuovere, riflettere; nonostante non sia uno dei miei libri preferiti di questa autrice, resta ugualmente un bellissimo libro da assaporare. Una realtà diversa dalla nostra quotidianità che ci porta a scoprire il mondo delle persone illustri e famose, ci porterà a riflettere su tante cose oltre a goderci lo svago che ci porta la lettura...
Non mi resta che augurarvi "buon viaggio" perché è questo che vi farà questo libro, viaggiare nel mondo di carta costruito dalla Phillips dove ritroveremo anche vecchi amici come April e Jack Pattriot protagonisti secondari di Seduttore dalla nascita (uno dei miei libri preferiti) e introduce Meg protagonista del successivo volume della winette, e ne incontreremo di nuovi molto molto interessanti!
Non ve ne pentirete! Buona lettura!

Fra
LCDL
Compra con un click

Nessun commento:

Posta un commento