mercoledì 23 agosto 2017

Recensione: la donna silenziosa di Debbie Howells

Oggi Aurelia vi racconta di una nuova anteprima Newton: La donna silenziosa di Debbie Howells.

Titolo: La donna silenziosa
Autore: Debbie Howells
Editore: Newton Compton
Pagine: 384
Costo: 2.99€ ebook - 10.00€ cartaceo
Uscita: 24/08/17

Trama:
«Uno di quei libri che ti catturano dalla prima all’ultima pagina.»
L’editore
Un grande thriller
I segreti più oscuri si nascondono nei luoghi più belli 
«Un debutto sconvolgente e misterioso.»
Daily Mail
Quando Rosie Anderson, una ragazza di appena diciotto anni, scompare, la cittadina idilliaca dove viveva non è più la stessa. Kate, la giardiniera del posto, è scossa e tormentata dal senso di colpa. Conosceva bene Rosie e, negli ultimi tempi, forse era arrivata a conoscerla anche meglio della madre. Rosie era bella, buona e gentile. Veniva da una famiglia amorevole e aveva tutta la vita davanti a sé. Chi avrebbe mai voluto farle del male? E perché? Kate è convinta che la polizia non stia valutando tutti gli indizi. Di sicuro qualcuno in paese sa più di quel che dice. Via via che le ricerche del colpevole vanno avanti, Kate è sempre più ossessionata dalla soluzione del mistero… 
Un thriller psicologico avvincente e una storia piena di segreti oscuri, ossessione e suspense.
Tutti hanno dei segreti ma alcuni sono più pericolosi di altri
Una cittadina in stato di shock. Una famiglia lacerata. Chi nasconde la verità?
«Un esordio imperdibile e di grande suspense.»
Publishers Weekly
«Un thriller dall’effetto ipnotico.»
Daily Mail
«Uno di quei libri che vi catturano dalla prima pagina, vi stringono e non vi lasciano andare. Ho assaporato ogni parola, personaggio e dettaglio psicologico. Davvero fantastico!»
Lisa Jackson, autrice bestseller del New York Times

Chi è Debbie Howells?
In passato ha studiato psicologia, è stata un’istruttrice di volo, la proprietaria di un negozio di fiori, e attualmente scrive a tempo pieno. Il suo thriller d’esordio, La donna silenziosa, è stato un successo di critica e di pubblico e i diritti di traduzione sono stati venduti a cifre molto alte in numerosi Paesi. Debbie vive nel West Sussex con la sua famiglia.

Recensione: 
Il romanzo di cui vi parlo oggi è il thriller di Debbie Howells, autrice sbarcata per la prima volta in Italia grazie a Newton Compton il cui titolo è La donna silenziosa. Un thriller psicologico molto profondo, in cui anche la perfezione perfetta nasconde oscuri segreti, dolori mai sopiti che si sono radicati attraverso quell'alone oscuro che caratterizza ogni essere umano.

“QUESTA STORIA E' COME UN CESPUGLIO DI ROSE SELVATICHE: PER QUANTO PUO’ SEMBRARE BELLO, PER QUANTI FIORI POSSA ACCOGLIERE, SE LE RADICI SOTTO NON SONO FORTI O SE IL TERRENO NON E' FERTILE, NON HA SPERANZA DI SOPRAVVIVERE”

La donna silenziosa parla di Rosie Anderson, 18 anni, una ragazza buona, gentile, educata, bella, figlia di una buona e facoltosa famiglia. La cittadina felice in cui abita la famiglia Anderson si chiede cosa sia successo a questa ragazza e perché? Le domande che affollano la mente dei cittadini sono tante, ma non tutte hanno risposta.
Kate è la mamma di Grace, amica di Rosie, cura giardini e alleva cavalli, è cosi che si è instaurata una piccola amicizia tra Kate e Rosie, al punto di pensare e credere che la conosce più lei che sua madre. Per Kate la scomparsa di Rosie diventa paura per sua figlia Grace, ma anche ossessione per la scomparsa della sua piccola amica. Pensa e crede che la polizia non stia facendo abbastanza, se non tutto il possibile, per ritrovare Rosie, anche gli amici e i cittadini si impegnano pur di ritrovarla.

“Forse mi sono lasciata risucchiare troppo. Coinvolgere troppo. Magari è meglio fare qualche passo indietro”

Ma col tempo le speranze si affievoliscono e tutto resta nelle mani della polizia…..
E' un thriller in cui tanti personaggi si incontrano e si scontrano, in cui tutti sono indiziati ma il colpevole è dietro l’angolo, che vive la sua normalità. E' sempre Kate che ci parla nel libro, dove le parola sono un collante extra forte, ti incollano alla storia di Rosie, si scomparsa, ma è molto di più. L’apparenza perfetta dell’apparire, in cui nulla è lasciato al caso, in cui anche il più stupido errore potrebbe avere grandi ripercussioni. E io odio le apparenze, un lavoro perfetto che in fondo si odia, pur di dimostrare qualcosa, la perfezione della bellezza che dentro nasconde un animo deturpato dalla sofferenza, il Dio denaro che dà il materiale ma che potrebbe generare un odio profondo verso quel che sia ha, amarlo alla follia pur di far apparire tutto perfetto. Tutto è sempre in base al potere e all'importanza che diamo a ogni cosa, cose che potrebbero farci vivere bene o distruggere tutto quello che siamo.
Cara lettrice o lettore, se deciderai di leggere questo romanzo non farti un'idea, cambierebbe sempre fino alla fine del libro come è successo a me, leggilo e lasciati avvolgere… Alla fine, di mio sono rimasta con una triste delusione, ma un grande sorriso ha preso il suo posto, perché tutto si risolve, a prescindere da come, a prescindere dall'idea, a prescindere da tutto.

“COME OGNI COSA, ERA GIA' TUTTO SCRITTO A CARATTERI MINUSCOLI SUL LIBRO DELLA MIA VITA. IL CGE SIGNIFICA CHE OGNI COSA CHE E’ ACCADUTA, OVUNQUE FOSSI, NON SAREBBE MAI POTUTA ANDARE DIVERSAMENTE”

Complimenti all'autrice!

Aurelia
LCDL
Compra con click

Nessun commento:

Posta un commento