mercoledì 16 agosto 2017

Recensione in anteprima: Come se non fosse stato amore di Olivia Cunning

Care Cercatrici e Cercatori oggi vi parlo di Olivia Cunning che esordisce in Italia con la Sinners on Tours Series. Come se non fosse stato amore è il primo volume della serie.

Titolo:  Come se non fosse stato amore
Autore: Olivia Cunning
Editore: Newton Compton
Pagine: 384
Costo eBook: 
Genere: erotico
Uscita: 16/08/17

Sinossi:

Sinners on Tour Series

Cinque uomini fantastici, una donna bellissima, e un amore infuocato
Per lui esiste solo la musica...
Quando Brian Sinclair, cantante e chitarrista della band metal più calda del momento, perde la sua scintilla creativa, ci vorranno notti e notti di passione peccaminosa per riportare a galla il suo genio sopito... E sarà lei a dare il la.
Quando la psicologa sexy Myrna Evans parte in tour con i Sinners, tutti i ragazzi della band cercano di sedurla. Ma lei vuole mettere le mani soltanto su Brian...
Il comportamento scandaloso dei due amanti finirà per portare tutta la band verso nuove vette di gloria... e vizio

Olivia Cunning
scrive romanzi rosa erotici incentrati su musicisti, combinando le sue passioni per il rosa e il rock'n'roll. È stata allevata a suon di hard rock, è andata al suo primo concerto a sei anni e si è innamorata all'istante della musica live. Viaggia miglia e miglia per seguire le sue band preferite. Da ragazzina ha scoperto il suo secondo amore, la narrativa rosa, prima leggendone voracemente, e poi scrivendone lei stessa. Essendo figlia di un militare di carriera, ha vissuto in giro per gli Stati Uniti e all'estero. Ora vive a Galveston, in Texas.

Recensione:
Mai libro mi ha messo più difficoltà di questo per scrivere una recensione. Ve lo giuro, sto ancora qui a raccogliere le idee, a cercare di inquadrare il romanzo, di dargli un voto. Se vi state chiedendo il motivo ve lo svelo subito...
Tanto per cominciare Come se fosse stato amore I volume della Sinners on Tour Series è un romanzo erotico, la copertina parla esplicitamente e l'erotico non è proprio il genere che amo di più leggere... questo è quello che mi hanno fatto notare le altre admin del gruppo quando mi sono incaponita che dovevo assolutamente leggere questo romanzo.
Ed è stata la cosiddetta prova del nove, dimostrare che non sono una che legge per generi che ama, quanto piuttosto a trame che mi ispirano... e come potevo dire no a questo romanzo? Beh, stendendo un voto pietoso per il pessimo titolo della Newton che praticamente scordo mille volte su mille, in originale il romanzo si chiama Backstage Pass, già da solo il titolo lascia intendere che si parla di rockstar e io amo i libri sulla musica. La cover originale è mille volte meglio come al solito in quanto da la perfetta idea del fatto che nel romanzo ci sia passione ma ci sia anche musica.
La Sinner on Tour Series racconta la storia di Brian Sinclair un chitarrista geniale che al momento ha un vero e proprio blocco creativo e di Myrna professoressa di psicologia sessuale con qualche scheletro nell'armadio. Intorno a loro ruota tutta la band di quattro scatenati e incasinati ragazzi che continuano a provarci con la professoressa tra risate e mani allungate.
L'interesse della prof è rivolto solo a Brian e ai suoi assoli di chitarra, nonostante tutti i casini che le hanno scalfito l'animo fino ad appesantirglielo e a renderla vittima di un'apparenza rigida e impostata, scavando esce fuori un'altra Myrna, una per cui il sesso non ha taboo o ristrettezze mentali. Non è qualcosa di sporco, infimo e contaminato, dovrebbe saperlo bene per gli studi affrontati e per il lavoro che svolge, ma quando qualcuno ci instilla un senso di sporcizia e di oscenità è dura riuscire a vedere la magia di due corpi che si intrecciano e che si sperimentano senza cadere nella spirale malata della perversione, ma restando nei confini del gioco.
Il romanzo avrebbe molti spunti di carattere psicologico-sessuale che potevano essere approfonditi meglio rendendo molto più intensa e profonda la storia, ma purtroppo mentirei se dicessi che l'autrice è riuscita a saperli sfruttare nel migliore dei modi, regalandoci un testo perfetto dove la musica rock e i problemi della vita si intrecciassero in un magico connubio. No, assolutamente, siamo ben lontani da questo, gli spunti restano spunti interessanti in una trama che all'ottanta per cento è una maratona sessuale degna dei guinnes dei primati. 
Ci sono altri punti molto interessanti che hanno fatto da cornice a questo erotico e che se meglio sviluppati avrebbero dato vita a un vero e proprio gioiellino: il rapporto con i genitori che non reputano i figli all'altezza dei traguardi raggiunti, continuano a sminuirli, a non vederli, come se anche ora che si è adulti tocca farsi il mazzo per conquistare le loro attenzioni e il loro affetto. 
Le ricerche sessuali di Myrna offrono altri spunti sull'amore facile che tante di noi provano verso i loro idoli, un amore che si basa su quelle informazioni che girano per la rete e ci sembra di conoscere tutto del personaggio famoso. Ecco, mi sarebbe piaciuto conoscere meglio i risultati della sua ricerca. 
Nonostante questa superficialità, di sicuro l'intento dell'autrice non era quello di approfondire questi temi ma di scrivere un semplice romanzo erotico, e questo le è riuscito alla grande se è riuscita a far leggere pure me :D 
Comunque un messaggio forte l'autrice ha voluto lasciarlo: non bisogna vergognarsi della propria sessualità se si gioca in modo consenziente.
Tornando alle maratone sessuali di Brian e di Myrna ne vedremo veramente di belle e di incredibili. E' il primo romanzo erotico che non mi fa staccare gli occhi dal libro mentre leggo certe scene... vi dico che la maggior parte mi hanno fatto scompisciare dalle risate mentre ad alcune di voi sicuramente si alzerà il livello degli ormoni, ma vi garantisco che anche per chi come me non le ama in così tanta quantità ci sarà sempre qualcosa di particolare da scoprire che mi farà sorridere, salire gli ormoni o lasciare a bocca aperta.
La scena sessuale che mi è più piaciuta ve lascio svelare dalla sinossi inglese che è decisamente più bella e accattivante (scusate per la traduzione fatta al volo):


Cinque ragazzi mozzafiato, una donna calda e un romanzo febbrile... Quando la psicologa sessuale Myrna Evans va in giro con i Sinners per studiare il comportamento delle groupie, ogni ragazzo della band tenta di sedurla. Ma il chitarrista principale è l'unico su cui lei vuole mettere le mani... Brian Sinclair sta lottando con un blocco creativo – incapace di comporre musica da mesi, fino a quando non fa l'amore con la disinibita Myrna e sente uno squisito riff di chitarra e suoni brucianti di dita solo nella sua mente nel mezzo dei loro abbracci appassionati.
Afferra una penna a sfera e compone quello che sarà il brano musicale di una nuova canzone, lo scriverà su tutto il corpo e li condurrà a tutti i tipi di giochi sessuali... ma come farà a convincerla che vuole più di un solo giro?

Il comportamento scioccante dei due amanti fa scoppiare tutta la band a nuove altezze di gloria ... e di peccato ...
Vi lascio immaginare la scena descritta e l'esilarante siparietto che si creerà subito dopo quando Brian avrà la necessità di non perdere queste note appena inventate. E sì, cari miei, la serie Sinners è proprio questo tanto sesso e tanto divertimento dettato dal fatto che questi cinque ragazzi non hanno freni e taboo proprio come ci si aspetta da rockstar del loro calibro. Quindi anche se tante scene possono sembrare assurde, contestualizzate con l'ambiente e i personaggi assumono il loro perchè.

L'aspetto più bello, a mio avviso, che poi è quello che mi ha fatto leggere il libro senza storcere il naso pur essendo un erotico, è la musica. L'autrice scrive proprio romanzi che combinano il rosa con il rock. Nella sua biografia scopriamo che è stata allevata a suon di rock e che dirvi questo nel romanzo si respira proprio. Non sono si respira nell'atmosfera del tuor, del delirio nel concerto, del prima e dopo concerto, ma si respira anche nel processo creativo della band, in quegli assoli di Brian che sembrano prendere vita davanti ai nostri occhi.

Tutto questo si combina con una scrittura in terza persona che scorre fluida e pulita senza intoppi... e io odio la terza persona perchè se non la si sa usare non mi trasmette nulla, invece Olivia Cunning è stata una grande in questo e mi ha permesso di divorare il libro a tempo di rock.

Ora, nonostante il mio non amore per l'erotico, non vedo l'ora di leggere il secondo volume dedicato al solista Sed!
Speriamo che la newton li traduca tutti, anche se credo che non resisterò nell'attesa e finirò per leggerli in lingua.

Insomma care ragazze a volte è proprio il caso di uscire fuori dai proprio interessi perché anche un genere a cui non daremo peso può rivelarsi denso di sorprese... questo ne ha ben cinque, sono tutti bei ragazzoni rockettari e sicuramente non potete non innamorarvi di Brian che è quello dei cinque ad avere il cuore più tenero.

Fabiana
LCDL



Compra con clik


Nessun commento:

Posta un commento